Camper e campeggi: la vacanza all’aria aperta conquista gli italiani

Condividi questo articolo su :

La stagione della ferie estive sta per partire anche se con molte incognite. Quello che è certa è la voglia di stare nella natura mantenendo il social distancing

Indie Campers (foto di Tiago Pinheira)

E’ molto probabile che quest’anno gli italiani abbandoneranno la vocazione esterofila per riscoprire i territori di prossimità.
Ma potrebbe anche succedere che la previsione del Touring Club Italiano, secondo cui le vacanze degli italiani nel 2020 sarebbero state un fenomeno prevalentemente domestico, non sia più realistica ora che dal 3 giugno i confini in Europa sono di nuovo valicabili (in alcuni paesi, non ancora per tutti). Per diversi addetti ai lavori, in ogni caso, chi si metterà in viaggio entro quelli nazionali privilegerà strutture dove sarà possibile evitare il contatto con troppe persone. La scelta di fare vacanze nella natura e all'insegna del “social distancing” è al momento la preferita (vedi il boom delle case vacanze) e anche per campeggi e camper potrebbe quindi essere una stagione importante.

Per gli appassionati del viaggiare “en plein air” (sono circa 180mila i camperisti italiani) va segnalata innanzitutto una buona notizia: il Salone del Camper 2020 andrà in scena fisicamente alle Fiere di Parma dal 12 al 20 settembre, nel rispetto di tutti i protocolli di sicurezza previsti. Nel frattempo sono in molti, stando ai dati di Indie Campers, una delle principali realtà del noleggio camper in Europa con circa 850 veicoli a disposizione (la flotta italiana è di oltre 100 mezzi e verrà ampliata del 40% entro giugno) ad aver puntato per questa estate su una vacanza libera da vincoli di caparre per hotel o strutture varie. A maggio le prenotazioni sulla piattaforma sono infatti aumentate di sei volte rispetto al mese precedente e nel 77% dei casi riguardano itinerari all'interno della propria nazione. Un segnale evidente della voglia di ripartire di giovani famiglie e coppie, soprattutto, e che le aziende di noleggio hanno immediatamente recepito per garantire ai clienti igiene e sicurezza, anche in modalità digitale: check-in online, video tutorial per conoscere i trucchi di ogni veicolo, verifica dei dati dell'utente via tablet al ritiro del mezzo.

Il camping Tiglio sul lago di Garda a Sirmione

I camping più virtuosi possono salvare la stagione
L'idea di un alloggio in tenda, opzione senz'altro più economica rispetto ad alberghi e case vacanza, dovrebbe prendere consistenza nelle prossime settimane, anche in relazione all'apertura degli spostamenti fra tutte le regioni. Ma di tendenza si può già parlare e lo confermano i dati registrati negli ultimi due mesi e mezzo dal portale Pitchup.com, una delle principali piattaforme di booking per le vacanze outdoor in Europa (4.200 le strutture offerte in 65 Paesi, di cui circa 400 in Italia). L'aumento del 138% rispetto al 2019 di richieste di nuove adesioni al network da parte di strutture italiane, registrato da metà marzo a metà aprile, è sicuramente un segnale incoraggiante e secondo il ceo della società inglese, Daniel Yates, “I campeggi che sapranno dare fiducia ai propri ospiti, garantendo sicurezza e sanificazione degli spazi, avranno l'opportunità di salvare la stagione”.

Detto che in Italia si contano (dati Eurostat aggiornati al 2018) circa 2.300 strutture per una capacità di oltre 1,2 milioni di posti letto, i vantaggi di una vacanza in campeggio sono presto riassunti: zona di verde privata (sia che si utilizzi la propria tenda sia che si arrivi con un camper), possibilità di alloggiare in piazzole “low cost” ma anche in tende di lusso, bungalow o case sull'albero con servizi privati, ricettività in luoghi poco frequentati anche poco vicino a casa e raggiungibili in auto.

Le destinazioni e le strutture più richieste
Se guardiamo alle prenotazioni registrate sul portale fra il 9 marzo e il 4 maggio, data che ha segnato l'avvio della Fase 2, gli italiani hanno cercato soluzioni soprattutto in Lombardia (il 19,3% del totale delle pagine viste), e a seguire Toscana (18,7%), Veneto (12,8%) e Piemonte (10,3%). Con l'apertura del 3 giugno la geografia delle vacanze potrebbe presto cambiare sostanzialmente ma difficilmente cambierà la meta principale: i camping collocati direttamente sul mare o a poca distanza da esso catturano infatti la maggior parte delle preferenze (45,1%), seguiti da lago (31,7%), montagna (13,3%) e città d'arte come Firenze, Pisa e Roma (9,9%). Prevalgono, in generale, le richieste per le strutture più economiche e che offrono promozioni mentre le strutture più “cliccate” in assoluto sono state finora, nell'ordine, il Camping Tiglio sul lago di Garda, seguito dal Campeggio Internazionale del Sole in riva al lago di Viverone e il Camping Calavise con vista sulle Pale di San Martino, in Trentino.

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: