Bintan

Condividi questo articolo su :

E’ un po’ l’area vacanze di Singapore, raggiungibile in meno di un’ora di comodo catamarano: Bintan, la più grande delle isole Riau nel mar Cinese Meridionale, si trova in Indonesia, ma gravita tutta intorno all’economia della metropoli asiatica. Asiatici e turisti stranieri si recano a Bintan attratti dalla bellezza delle spiagge, dal clima tropicale, dai campi di golf e dalle diverse attività vacanziere.

Dal jumbo park con gli elefanti all’escursione in barca alla scoperta delle mangrovie, dagli eco-tour ai percorsi-trekking nella foresta, ci sono numerose attività per chi non è soddisfatto di oziare in mare o sulla sabbia.

E’ un po’ l’area vacanze di Singapore, raggiungibile in meno di un’ora di comodo catamarano: Bintan, la più grande delle isole Riau nel mar Cinese Meridionale, si trova in Indonesia, ma gravita tutta intorno all’economia della metropoli asiatica. Asiatici e turisti stranieri si recano a Bintan attratti dalla bellezza delle spiagge, dal clima tropicale, dai campi di golf e dalle diverse attività vacanziere.

Dal jumbo park con gli elefanti all’escursione in barca alla scoperta delle mangrovie, dagli eco-tour ai percorsi-trekking nella foresta, ci sono numerose attività per chi non è soddisfatto di oziare in mare o sulla sabbia.

Tutta la costa nord dell’isola, quella più vicina appunto a Singapore, è destinata ai resort per turisti, costruiti prevalentemente in stile locale con il minimo impatto ambientale e nascosti in mezzo a una natura lussureggiante; la parte meridionale, dalla caratteristica forma molto frastagliata, è rimasta invece con i suoi paesini tipici e con le attività tradizionali, per cui è meta di escursioni. Il mercatino più vicino è a Pasar Oleh Oleh, dove comperare artigianato del luogo in legno, ceramiche artigianali o splendidi batik in seta lavorata secondo la tradizione indonesiana. Serve un po’ di più tempo per raggiungere Sengarang, un piccolo insediamento di pescatori cinesi con un antico tempio, la grande Moschea di Palau Penyengat o i più estesi mercati di Tanjung Pinang, il capoluogo amministrativo dell’isola.
 
Sul posto si organizzano passeggiate o più impegnative escursioni nella giungla da fare a piedi o motorizzati sui quad. La natura prorompente della foresta pluviale con alberi di dimensioni impressionanti fino a 40 metri di altezza riserva ascensioni su rocce, superamento di cascate, visita a fattorie biologiche per la raccolta della frutta tropicale, incontri con scimmie, uccelli multicolori e aquile. Si passa spesso in piccoli villaggi locali in mezzo agli alberi, chiamati kampung, in cui abitano poche famiglie di agricoltori o pescatori, fatti di capanne o al più baracche di lamiera, in cui la vita sembra ferma a secoli or sono, tranne che per le antenne televisive e qualche motorino parcheggiato.
 
Di particolare bellezza e assolutamente da non perdere l’escursione in barca lungo la costa, uno scenario di isolotti e scogli rocciosi tutti coperti di vegetazione: si visitano anche le postazioni galleggianti al largo dei pescatori, secondo un’antica tecnica di pesca locale. Si può anche partecipare alla pesca sistemando le trappole in bambù o in rete e portarsi a casa il pescato. Gli sport acquatici sono sempre molto richiesti, così come le immersioni con bombole o con boccaglio per godere di un mare caldo in tutte le stagioni e dalle acque cristalline.

La cucina è parte integrante di una esperienza di vacanza a Bintan: si potrebbe definirla uno stile fusion con contaminazioni thai, indonesiane, cinesi e giapponesi. Si mangia di solito all’aperto o in ambienti nella penombra arredati con mobili orientali in posizione panoramica sul mare. Gli antipasti sono piccoli assaggi di spiedini di pollo con salsa di arachidi, polpette con chili di mango, squisiti involtini di verdura locale. La tradizione isolana propone naturalmente in prevalenza piatti di pesce, come il pregiato   red snapper con verdura me riso, ma c’è sempre la possibilità di optare per la carne con il manzo al curry, accompagnato da ciotole di riso al cocco, all’anguria, con fibra vegetale e il tradizionale riso giallo indonesiano. Il piatto più tipico indonesiano è il Nasi Goreng, riso fritto, accompagnato da salsicce, uova, nuvolette di granchio e sottaceti. I dessert sono una gioia per gli occhi oltre che per la gola: da provare i Malay Kueh, dolcetti al vapore con riso di derivazione malese. E per chi preferisce una cena romantica a due si può cenare su una barca ancorata sul fiume in mezzo alle mangrovie al tramonto.
 
Tra i molti indirizzi di catene internazionali o locali, il resort più bello della costa è il Banyan Tree Bintan, su un promontorio roccioso protetto da una vasta area privata, dove è stato realizzato anche il campo da golf da 18 buche disegnato da Greg Norman, che durante i fine settimana attrae numerosi appassionati da Singapore. Poche grandi ville indipendenti in stile balinese con tetti impagliati e jacuzzi privata sul terrazzo, grande gastronomia in tre diversi ristoranti e una sofisticata Spa a disposizione.

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: