Belvedere con brivido

Condividi questo articolo su :

Skywalk ossia trampolini sospesi su paesaggi mozzafiato. Quello a forma di ferro di cavallo che affaccia sul Grand Canyon è forse il più famoso, ma sparsi tra l’Europa, il Sud e il Nord America ce ne sono altri, altrettanto emozionanti e vietati a chi soffre di vertigini. Ecco i dieci più spettacolari… con vista da brivido.
 

Skywalk ossia trampolini sospesi su paesaggi mozzafiato. Quello a forma di ferro di cavallo che affaccia sul Grand Canyon è forse il più famoso, ma sparsi tra l’Europa, il Sud e il Nord America ce ne sono altri, altrettanto emozionanti e vietati a chi soffre di vertigini. Ecco i dieci più spettacolari… con vista da brivido.
 
GRAND CANYON SKYWALK. Strada sconnessa e prezzo non proprio conveniente sono i balzelli da pagare per poter godere di un’esperienza unica. Il Grand Canyon di per sé è già un’attrazione che merita un viaggio, ma poter ammirare dall’alto il fiume Colorado mentre si fa largo tra le rocce è un motivo in più per recarsi nel Grand Canyon West, una zona del Parco che prima dello skywalk era poco frequentata dai turisti.

Lo spot è di proprietà degli indiani Hualapai che fanno pagare a caro prezzo l’esperienza di una passeggiata sulla struttura di vetro e cemento posta sul bordo del canyon a 1450 metri di altitudine. Guardare il Colorado 1100 metri più sotto, entrare nell’area riservata del parco e visitare i vicini villaggi indiani e di cowboy con tanto di foto ricordo costa 71 dollari (pacchetto oro) a cui però vanno aggiunti 8 dollari per la tassa di impatto ambientale e altri 4 di supplemento carburante. Importante: sullo skywalk è vietato portare macchine fotografiche e addirittura cellulari, per una foto ricordo dovrete affidarvi ai fotografi ufficiali.  
 
TOP OF TYROL. Il ghiacciaio più grande dell’Austria e tutt’attorno una distesa di rocce e neve a 3.210 metri. Top of Tyrol è una piattaforma di acciaio e legno dalle linee morbide posta sulla cresta del monte Große Isidor in Tirolo. La funivia panoramica Schaufeljoch porta i visitatori-sciatori comodamente al ristorante Jochdohle che con i suoi 3.150 metri di altezza è il più alto del Paese. Da lì bastano una decina di minuti a piedi per raggiungere lo skywalk montano sopra la valle del ghiacciaio

Stubai. Grazie alla sospensione lunga nove metri permette di godere di una vista a 360 gradi dalle Alpi dello Stubai a quelle di Ötztal. L’accesso alla piattaforma costa 22 euro per gli adult,i mentre le visite guidate con tanto di storia dei ghiacciai sono gratuite.
 
PIATTAFORMA CASCATE IGUAZU. 275 cascate formate da un salto di 70 metri del fiume Iguazu al confine tra Brasile e Argentina. Il sito, patrimonio dell’Unesco, si trova in parte nel Parco nazionale dell’Iguazu argentino e in parte nel brasiliano Parco nazionale dell’Iguaçu. Il lato argentino è il più ricco e comprende anche la Garganta do Diablo una imponente gola a forma di "U" profonda 150 metri, ma la miglior visuale è dei dirimpettai brasiliani grazie ad una passerella in legno che permette di osservare questa parete d’acqua in tumulto. Oltre a questo ponte in legno, sempre nella parte carioca si trova un ascensore scavato nella montagna che parte dai piedi del salto Floriano e porta ad una piattaforma panoramica fatta a spirale e con il fondo trasparente per godersi il salto.

DACHSTEIN SKYWALK.  Il titolo di "Il Balcone delle Alpi" se lo merita tutto. Ad un’altezza di 2.700 metri l’aria è già molto rarefatta, o comunque così sembra al cospetto di un panorama a 360 gradi sulle Alpi austriache giù giù fino alle cime slovene e ceche. In cima alla parete rocciosa dell’Hunerkogel si trova il sentiero Dachstein Skywalk con tratti del pavimento realizzati in vetro che promettono brividi vertiginosi. Il trampolino trasparente è raggiungibile con la funivia del monte Dachstein.
 
5FINGERS. Rimaniamo sempre nel massiccio dei Monti del Dachstein, ma questa volta passiamo dalla vetta dell’Hunerkogel a quella del Krippenstein. La piattaforma delle cinque dita prende il nome dalla sua struttura formata da 5 passerelle sospese lunghe 4 metri sopra un precipizio di 400 metri. Ogni "dito" è dotato di una caratteristica che lo rende unico: uno ha il fondo di vetro, un altro una cornice da cui scattare una foto perfetta, un altro ha un foro sulla base per guardare attraverso l’abisso, uno è dotato di un telescopio e il quinto (non accessibile) è in realtà un trampolino che simboleggia la libertà delle montagne. Per godere di questo spettacolo occorrono 20 minuti di cammino dalla stazione di Krippenstein della funivia Dachstein.
 
AURLAND LOOKOUT. Non solo uno skywalk, ma una vera e propria opera di design dell’aria è l’Aurland Lookout, una piattaforma orizzontale di legno che si curva alla fine verso il vuoto e verso i 600 metri di dislivello che la separano dall’abisso. Ad Aurland, un piccolo paese affacciato sull’omonimo fiordo, nel sud ovest della Norvegia, sembra che gli osservatori possano cadere di sotto nel tentativo di ammirare la meravigliosa vista sui fiordi, ma c’è un trucco. Un pannello di plexiglass impedisce il "folle volo" e permette foto e sguardi da brivido. I creatori di questo skywalk lungo 30 metri che nel 2005 è stato riconosciuto come il miglior progetto turistico norvegese, sono gli architetti Todd Saunders e Tommie Wilhelmse.
 
TAHUNE AIRWALK. Passeggiare ad un altezza di tre piani, tra gli alberi più alti della Terra, in una foresta del sud della Tasmania con una conclusione a sorpresa: tutto questo è il Tahune Airwalk nella Tahune Forest Reserve. Situata a 70 chilometri da Hobart nella Huon Valley, nel cuore della Rainforest che occupa i 25mila chilometri sudoccidentali dell’isola, la sopraelevata si estende per quasi 600 metri e vi porterà a due passi dalle cime dei maestosi eucalipti. Ma la parte più emozionate è verso la fine, quando la passerella diventa a sbalzo e rimane sospesa a 48 metri di altezza sopra la confluenza dei fiumi Picton e Huon. Il costo per gli adulti è di 24 dollari.

LANDSCAPE PROMONTORY. Il promontorio paesaggistico di acciaio e titanio di Cardada in Svizzera offre una magnifica vista sul bacino del Lago Maggiore. Dopo una passeggiata fra le cime degli alberi la passerella Landscape Promontory si apre su una piattaforma sospesa nel vuoto che regala agli avventori un panorama a 180 gradi sul lago, le Centovalli e la Valle Maggia.
 
INFINITY ROOM. Non una passerella, ma addirittura una casa o meglio una stanza è lo skywalk made in Wisconsin (Stati Uniti). L’idea alla base della House of Rock nacque da una sfida lanciata da Alex Jordan Jr. a Frank Lloyd Wright, Alex voleva insegnare a Frank due o tre cose in fatto di architettura e fu così che la casa sulla roccia in stile giapponese video la luce nel secolo scorso. Occorre aspettare però il 1985 per l’Infinity Room, una meraviglia dell’ingegneria, una stanza con oltre 3mila finestre lunga 66 metri e posta senza sostegni a quasi 50 metri a  picco sulla valle sottostante.

IL BINOCOLO. Ideato nel 2005 dall’architetto Matteo Thun, la piattaforma trasparente che ricorda un binocolo dona la sensazione di librarsi in volo sopra Merano. Lo skywalk altoatesino è stato realizzato dall’architetto Matteo Thun per i Giardini di Castel Trauttamsdorff uno dei più grandi orti botanici d’Europa. Dalle pendici della montagna che sorge dietro il castello, grazie al Binocolo si cammina sospesi sopra piante, fiori tropicali, la Valle dell’Adige e la conca meranese.

Fonte articolo originale 

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social