Aspettando la giusta marea: 8 isole da raggiungere a piedi

Condividi questo articolo su :

Non avete una barca? Nessun problema: ecco 8 isole che potete raggiungere a piedi. Allacciatevi le scarpe, aspettate la bassa marea e voilà: come per magia riemergono sentieri che conducono a castelli fiabeschi, santuari, case vichinghe e tanto altro.

Un turista cammina sulla spiaggia verso il Brough of Birsay in Scozia La bassa marea permette ai viaggiatori di raggiungere il Brough of Birsay © Argalis / Getty

Brough of Birsay, Orcadi, Scozia

Il desolato Brough of Birsay è stato teatro di molti eventi storici: nel VII e VIII secolo i Pitti reclamarono questa terra e ancora oggi sono visibili resti del loro insediamento. Dopo di loro arrivarono i Vichinghi, che su questa terra hanno lasciato delle magnifiche longhouse risalenti al X secolo. Le rovine di St Peter’s Church risalgono al XII secolo, quando il Brough era la sede dei governatori della zona. Sia le pulcinelle di mare che le scogliere intervallate dai fari aggiungono una nota in più a quest’atmosfera suggestiva. La visita di questo affioramento oceanico scozzese sembra quasi surreale, specialmente aspettando che il percorso appaia con la bassa marea permettendovi di attraversare il mare.

La strada riaffiora dalle acque creando il Passage du Gois in Normandia State attenti alle alte maree nel Passage du Gois, Normandia © Gwengoat / Getty Images

Ȋle de Noirmoutier, Bretagna, Francia

Per poche ore al giorno, con la bassa marea, il Passage du Gois riaffiora dal mare e collega il villaggio di Beauvoir-sur-Mer, sulla terraferma, alla fiabesca Ȋle de Noirmoutier. È un luogo da sogno composto da case bianche con le imposte blu, colorate alcee e scintillanti saline. Ospita anche un castello medievale con il ristorante stellato Le Grand Four. La si può raggiungere su quattro ruote, ma è molto più divertente andare a piedi e unirsi agli abitanti nella ricerca di vongole e molluschi nella sabbia esposta. Fate attenzione agli orari delle maree oppure dovrete prepararvi ad arrampicarvi su uno dei pali di sicurezza piantati ad intervalli regolari lungo il percorso e aspettare lì il ritorno della bassa marea.

Una folla di persone percorre il sentiero emerso dall\'Isola di Jindo a quella di Modo in Corea Unitevi alla folla che percorre il viaggio da Jindo a Modo © Topic Images / Getty Images

Jindo e Modo, Corea del Sud

Solo qualche giorno all’anno (di solito in primavera), la marea è così bassa da esporre un percorso lungo 2,8 km e largo 40 metri che collega l’Isola di Jindo alla vicina Isola di Modo, nell’angolo sud-occidentale della nazione. Conosciuta come Ganjuyuk Gyedo (misteriosa strada di mare) è stata spesso celebrata nelle leggende coreane. Il Jindo Miracle Sea Road Festival si tiene ogni anno e coincide con la comparsa del passaggio: è festeggiato da più di trecentomila persone che si cimentano nell’attraversata indossando stivali di gomma alti fino al ginocchio.

Minister's Island, New Brunswick, Canada

Sembra una magia: con la bassa marea si può passeggiare per 1 km sul letto dell’oceano per raggiungere Minister’s Island e poi, con l’alta marea, il sentiero svanisce sotto metri d’acqua. Il reverendo Samuel Andrews comprò l’isola nel 1790 come base da cui occuparsi dei suoi parrocchiani, ecco spiegato il nome, e il piccolo cottage di pietra dove ha vissuto è ancora in piedi oggi. Il ricco costruttore della Canadian Pacific Railway, William Cornelius, la comprò successivamente nel 1890. Lui non scherzava affatto quando costruì il suo di cottage: un complesso di cinquanta camere con diciassette camere da letto, undici caminetti e un mulino per avere l’acqua corrente in casa. Una passeggiata vi riporterà indietro nel tempo tra le ricchezze e lo sfarzo del periodo edoardiano.

Persone vanno e vengono da Haji Ali Dargah, vicino a Mumbai, tramite il percorso che emerge dal mare Nessuna moschea è un’isola, almeno non per tutto il giorno © Jon Hicks / Getty Images

Haji Ali Dargah, Mumbai, India

Secondo la leggenda del Dargah, un santuario sufista su un’isola vicino a Mumbai, il santo musulmano Pir Haji Ali Shah Bukhari, che qui nella metà del XV secolo fece miracoli e fu maestro dell’Islam, morì durante un pellegrinaggio verso La Mecca. Il suo sudario è inspiegabilmente fluttuato indietro arrivando su questo ammasso di rocce, per questo i suoi seguaci hanno costruito una moschea di marmo bianco affinché diventasse la sua tomba proprio in questo luogo. Per la maggior parte del giorno luccica in lontananza come un miraggio, ma quando le acque si abbassano, appare una strada che permette ai fedeli di raggiungere il luogo di culto – che percorrono in massa specialmente il venerdì, quando i cantanti sufisti innalzano melodie verso il cielo.

Bar Island, Maine, Stati Uniti

Quest’isola part-time si trova appena a largo della costa del villaggio di Bar Harbor. Dirigetevi nel centro città e proseguite verso la fine di Bridge Street durante la bassa marea e osservate la meraviglia del ponte di ghiaia naturale che emerge dalle acque. Dopo una camminata di 1,5 km verso l’isolotto, lì potrete andare alla scoperta della foresta, dei prati e della costa rocciosa dell’isola. Un sentiero vi condurrà su una piccola sommità che offre una magnifica visuale sul mare e le montagne circostanti. Questo panorama da cartolina non vi deve sorprendere perché l’isola fa parte dell'Acadia National Park, uno dei luoghi costieri più selvaggi degli Stati Uniti.

Il sentiero Pilgrim\'s Way verso l\'Holy Island di Lindisfarne Al momento giusto, incamminatevi sulla Pilgrim's Way © Philip Bird LRPS CPAGB / Shutterstock

Lindisfarne, Northumberland, Inghilterra

A un tiro di schioppo dal confine scozzese, l’Holy Island di Lindisfarne rimane remota e sferzata dal vento come lo era quando Sant’Aidano arrivò qui per fondare il monastero, nel 635. Due volte al giorno la marea cambia e appare un sentiero tra sabbia e fango: il passaggio è stato usato per secoli per raggiungere la piccola isola ed è conosciuto come Pilgrim’s Way. Una serie di pali verticali segnano il tragitto di 5 km che ricompenserà gli avventurieri con le rovine di un’antica priora da esplorare, un castello minaccioso da raggiungere in cima alla collina e una riserva di uccelli dove svolazzano lo smeriglio e la pittima minore.

Mandø, Danimarca

La tranquilla Mandø galleggia nel Mare dei Wadden vicino alla costa occidentale della città di Ribe. Visitate la piccola e remota isola e lì ci sarete solo voi, il fruscio dell’erba, le pecore al pascolo e circa una sessantina di abitanti sotto un cielo blu. Per arrivare a Mandø potete, in teoria, passeggiare lungo la strada che emerge durante la bassa marea, tuttavia nessuno la percorre perché il fango la rende una traversata davvero faticosa. Invece tutti saltano a bordo dell’autobus-trattore che con le sue ruote schiaccia il fango avanti e indietro fino a che l’alta marea ritorna e Mandø riprende a fluttuare ancora una volta.

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: