Apre Château Monfort, un hotel-castello a Milano

Condividi questo articolo su :

Un cinque stelle sui generis che ricorda le antiche dimore, con pavimenti settecenteschi, scaloni monumentali e arredi ispirati a personaggi fantastici. Ma anche con un cuore ecologista.

C’era una volta un palazzo imballato, transennato, pericolante e abbandonato nel cuore di Milano, con San Babila, il Duomo e il quadrilatero della moda proprio lì. Così comincia una storia a lieto fine che, dopo cinque anni di burocrazie e grandi opere, vede riaprire le porte del sontuoso edificio liberty di Paolo Mezzanotte (lo stesso della Borsa di Milano) sotto la promettente insegna che annuncia Château Monfort.

Un cinque stelle sui generis che ricorda le antiche dimore, con pavimenti settecenteschi, scaloni monumentali e arredi ispirati a personaggi fantastici. Ma anche con un cuore ecologista.

C’era una volta un palazzo imballato, transennato, pericolante e abbandonato nel cuore di Milano, con San Babila, il Duomo e il quadrilatero della moda proprio lì. Così comincia una storia a lieto fine che, dopo cinque anni di burocrazie e grandi opere, vede riaprire le porte del sontuoso edificio liberty di Paolo Mezzanotte (lo stesso della Borsa di Milano) sotto la promettente insegna che annuncia Château Monfort.

Nato il primo gennaio 2012 e inaugurato il 17, è sì un cinque stelle ed è sì un luxury hotel, ma è una novità nell’ospitalità milanese perché prende le distanze dallo stile austero, minimal e di design tipico dell’eleganza meneghina e si abbandona invece a citazioni neoromantiche che evocano castelli e corti di altri tempi e altri luoghi. Per farlo infatti è stata compiuta una straordinaria ricerca iconografica e alla fine si son pescate ispirazioni dai manieri d’Europa traformati in alberghi, dal balletto classico, dal cinema.

Così alcune scene del Marie Antoinette di Sofia Coppola o di Harry Potter sono servite per scegliere colori, tapezzerie, arredi e creare abbinamenti insoliti, spesso antichi nella forma e contemporanei per fattura e fruibilità. Non ci si stupirà quindi di trovare un pavimento veneziano rifatto artigianalmente come nel Settecento sotto una modernissima cupola di vetro che illumina l’ex cortile oggi lounge con palco (alcune sere, intorno a mezzanotte, sono previsti anche concerti e spettacoli) e scenografie che sono in parte gli esterni del palazzo che traspaiono da grandi pareti vetrate. Tra stucchi, wallpaper vintage e personaggi fiabeschi (tipo il coniglietto Giuan, mascotte dell’hotel che ammicca dagli angoli più impensati), ci si muove nei sotterranei dove sono la sala per gli eventi e le feste, l’area congressuale e la cantina con vini italiani e dei nuovi produttori, dal Cile all’Australia.
Dallo scalone monumentale si sale alle 77 camere, tutte perfettamente insonorizzate. Qui i temi sono il viaggio d’una volta, le opere liriche, i boschi con civette, alberi della vita, cascate di fiori e voli di farfalle.

Sul filone del déjà vu che stuzzica l’immaginazione e piace anche ai bambini, il Ristorante Rubacuori trasforma in realtà la sala da pranzo del cartoon La Bella e la Bestia: piatti e posate appesi alle pareti, teiere e tazzine che illuminano applique e lampadari, consolle neobarocche e specchi, sedie a forma di cuore. Ai fornelli lo chef Pasquale D’Ambrosio, già executive del Diana Majestic del Petriolo SPA Resort, fa con rigore e sperimentazione la cucina regionale italiana, dichiarandosi inflessibile sulle regole del benessere e della sana alimentazione.
Torniamo ora coi piedi per terra. Come si confà a un albergo di lusso, il wi fi è garantito e gratuito sia in camera che negli spazi comuni. Le stanze, anche quelle che danno sulla trafficata piazza Tricolore, sono molto silenziose, climatizzate e high-tech con filodiffusione, stereo per allacciare smartphone e mp3 , tv 40 pollici collegata a Internet. Gli arredi sono cruelty free, cioè fatti solo con materiali eco, e non di origine animale. La doppia in tariffa lancio parte da 195 €.

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: