Aerei, i 5 luoghi più sporchi

Condividi questo articolo su :

Una ricerca condotta da TravelMath testando 26 campioni raccolti da un microbiologo su quattro voli diversi ha permesso di stabilire la popolazione batterica presente ad alta quota

Tavolini

Non sono i bagni i luoghi più sporchi degli aerei (come spesso ritenuto): la ricerca condotta da TravelMath ha dato la “maglia nera” alle superfici dei tavolini: qui infatti è stata trovata una quantità di germi oltre 8 volte superiore a quella rinvenuta sul pulsante dello sciacquone (2.155 per pollice quadrato contro i 265). «Sui tavolini analizzati per la ricerca sono stati trovati virus del raffreddore e dell’influenza, norovirus e addirittura staphylococcus aureus», ha raccontato al Time il microbiologo dell’Università dell’Arizona, Charles Gerba, che ha condotto i test.
Il consiglio: «Per evitare di consumare i pasti su un tavolino dove magari qualcuno prima di voi ha messo della roba sporca, è bene passare sulla superficie una salviettina igienizzante», suggerisce il dottor Michael Zimring, del Mercy Medical Center di Baltimora.

Bocche di aerazione e cinture di sicurezza

Pur essendo usate di frequente, le prese d’aria poste al di sopra dei sedili e le fibbie delle cinture di sicurezza non sembrano ricevere adeguate attenzioni quando si tratta di pulizia. Non a caso, sulle prime sono state rinvenute 285 CFU (colony-forming units) per pollice quadrato (ovvero, più del pulsante dello sciacquone) mentre sulle seconde i batteri erano 230 per pollice quadrato (il che non è affatto sorprendente se si considera che un passeggero tocca le fibbie delle cinture di sicurezza almeno due volte durante il volo).
Il consiglio
: «Conviene avere sempre con sé una confezione di disinfettante per le mani, da usare a intervalli regolari», avverte Gerba.

Bagni

Sebbene i bagni degli aerei vengano puliti e disinfettati regolarmente, il microbiologo Gerba vi ha trovato comunque tracce di batteri fecali coliformi su lavandini, maniglie e water, mentre sul pulsante dello sciacquone i germi erano 265 per pollice quadrato (ma non di tipo fecale coliforme).
Il consiglio
: «Ricordarsi di usare sempre un fazzoletto di carta quando si apre la serratura della porta», raccomanda il dottor Zimring, mentre la Drexel University Medicine ricorda «di chiudere sempre l’asse del water prima di azionare lo sciacquone».

Vano portaoggetti

In genere la tasca portaoggetti sul retro del sedile viene scambiata dai passeggeri per un cestino dei rifiuti, quindi ci buttano dentro di tutto, ma spesso gli addetti alle pulizie non hanno il tempo materiale di svuotarle né, tantomeno, disinfettarle. Non bastasse, uno studio della Auburn University in Alabama ha scoperto che i batteri dello staphylococcus aureus sopravvivono addirittura fino a 7 giorni sulla stoffa della tasca portaoggetti.
Il consiglio
: «il solo modo per evitare i germi che si trovano nel vano portaoggetti è di non usarlo del tutto», suggerisce ancora la Drexel University Medicine.

Posti in corridoio

Scegliere il sedile del corridoio consente di alzarsi ogni volta che si vuole, senza disturbare nessuno: ma tanta libertà (di movimento) comporta un rischio inatteso. Le sommità dei sedili sono infatti più esposte ai germi, perché è la parte che di solito viene toccata dai passeggeri per sostenersi mentre camminano per tornare al loro posto (dopo magari essere andati in bagno), quindi sedersi nei posti sul corridoio equivale a trovarsi su una “linea di fuoco” batterica. La conferma in uno studio pubblicato sul Clinical Infectious Diseases: analizzando un volo da Boston a Los Angeles costretto a fare un atterraggio di emergenza a causa di un focolaio di vomito e diarrea, i ricercatori hanno scoperto che i passeggeri seduti nei posti in corridoio erano stati i più colpiti dal norovirus, sebbene non ci fosse alcun legame fra l’aver contratto il virus e l’utilizzo del bagno.
Il consiglio
: «sedersi al finestrino riduce le probabilità di ammalarsi», precisa il dottor Gerba.

(foto Pixabay)

Hits: 13

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: