Ad Andria la sfida europea dei cuochi

Condividi questo articolo su :

Otto giovani cuochi under 30 dal Nord Europa. Una giuria prestigiosa di grandi chef ed esperti. I piatti e i prodotti della migliore tradizione pugliese, in primis l’olio extravergine d’oliva. Sono gli ingredienti, è il caso di dirlo di Qoco, Concorso Internazionale per Giovani Cuochi, dal 29 febbraio al 2 marzo ad Andria-Castel del Monte (Ba).

Otto giovani cuochi under 30 dal Nord Europa. Una giuria prestigiosa di grandi chef ed esperti. I piatti e i prodotti della migliore tradizione pugliese, in primis l’olio extravergine d’oliva. Sono gli ingredienti, è il caso di dirlo di Qoco, Concorso Internazionale per Giovani Cuochi, dal 29 febbraio al 2 marzo ad Andria-Castel del Monte (Ba).

La manifestazione è organizzata dal Comune di Andria in collaborazione con Slow Food Italia e l’Associazione Nazionale Città dell’Olio, con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, della Regione Puglia, della Provincia di Bari e della Camera di Commercio di Bari.

Ai fornelli si esibiranno: Fritz Witting per l’Austria, Johannes Astø per la Danimarca, Felix Metzger per la Germania, Douglas Balish per l’Inghilterra, Alessio Duò per l’Italia, Martin Janssen per l’Olanda, Pawel Grzegorz Andros per la Polonia e Daniel Matthias per la Svezia. Ad affiancarli altrettanti cuochi tutor pugliesi, segnalati da Slow Food Puglia, che guideranno i colleghi stranieri alla scoperta delle peculiarità della cucina del luogo e delle tradizioni locali.
L’evento clou di Qoco sarà venerdì 29 febbraio, giorno in cui i giovani cuochi lavoreranno fianco a fianco nelle cucine della Tenuta Cocevola di Andria diretta da Mauro Panini per la preparazione dei piatti. La sfidavedrà due prove: la prima riguarda un piatto a tema libero scelto dallo chef concorrente, la seconda chiama i cuochi a misurarsi su un piatto a tema stabilito (grano duro e verdure in  abbinamento con olio extravergine d’oliva) suggerito dallo chef tutor che curerà l’elaborazione “a quattro mani”. Sabato 1 marzo si terrà la premiazione.

A valutare i cuochi sarà una giuria presieduta da Alfonso Iaccarino, chef e patron del famoso Don Alfonso 1890, ristorante due stelle Michelin di S. Agata sui due Golfi (Na), e formata da addetti ai lavori, giornalisti, esperti, tra cui Silvio Barbero, segretario nazionale di Slow Food Italia. La sera nel centro storico di Andria, il pubblico sarà invitato ad assaggiare, in spazi all’aperto attrezzati con cucine a vista, le creazioni presentate al concorso e alcune specialità gastronomiche del luogo. Ricca è anche l’agenda degli appuntamenti per il pubblico: passeggiate naturalistiche sulle Murge, visite e degustazioni guidate in frantoi e aziende, la merenda in masseria con minicorsi di cucina, domenica con pranzo nell’orto, aperitivi e cene dei paesi ospiti nei ristoranti di Andria.

Info: tel. 0883.29.03.78, [email protected]

Fonte: www.corriere.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: