A Pasqua viaggi sempre più brevi

Condividi questo articolo su :

E’ boom per le microvacanze, il cui numero, a Pasqua, potrebbe pareggiare quello delle ‘vacanze lunghe’. A sostenerlo è un’analisi della società di consulenza turistica Sl&A, la quale ricorda che la crescita dei viaggi brevi ha sfiorato nel 2007 il 10%, con 48 milioni di viaggi nel corso dell’anno. Rispetto all’anno precedente il gap tra vacanze brevi (fino a 3 notti) e vacanze lunghe (4 notti e più) in termini di peso sul totale dei viaggi si riduce ancora, tanto che si è ormai vicinissimi al pareggio: 49% a 51%.


E’ boom per le microvacanze, il cui numero, a Pasqua, potrebbe pareggiare quello delle ‘vacanze lunghe’. A sostenerlo è un’analisi della società di consulenza turistica Sl&A, la quale ricorda che la crescita dei viaggi brevi ha sfiorato nel 2007 il 10%, con 48 milioni di viaggi nel corso dell’anno. Rispetto all’anno precedente il gap tra vacanze brevi (fino a 3 notti) e vacanze lunghe (4 notti e più) in termini di peso sul totale dei viaggi si riduce ancora, tanto che si è ormai vicinissimi al pareggio: 49% a 51%.

"Un pareggio che – dice Roberto Mazzà, di Sl&A – potrebbe avvenire già con la prossima Pasqua". Anche in termini di notti, oltre 88 milioni trascorse fuori casa, le microvacanze avanzano, e adesso pesano quasi il 15% del totale (dal 12% del 2006). La durata media dei soggiorni brevi rimane pressoché inalterata a 1,8 notti, e si conferma la novità per gli operatori del turismo, che hanno a che fare con scadenze sempre più ravvicinate, e un turnover di turisti cui molti non erano abituati. Inoltre per gli operatori appare sempre più indispensabile essere presenti sul web, per poter essere scelti dai "microvacanzieri".

Le microvacanze riguardano soprattutto la destinazione Italia, solo il 7% dei viaggi brevi è stato effettuato all’estero. Le mete principali per un weekend si confermano la Toscana, la Lombardia, il Lazio e l’Emilia Romagna. Le regioni del sud restano al palo, fatta eccezione per il periodo estivo, quando Sicilia e Campania compaiono nella graduatoria rispettivamente al sesto e al settimo posto. "Ci prepariamo a misurare il fenomeno per Pasqua – ha concluso Michela Valentini, amministratore di SL&A e titolare del tour operator Unaltracosatravel – e siamo certi che le microvacanze saranno ancora un fenomeno da prima pagina". Anche l’Istat nei giorni scorsi ha certificato un aumento delle vacanze brevi nel 2007: le microvacanze, con pernottamenti fino a tre notti, sono aumentate lo scorso anno del 9,6%. I soggiorni di vacanza più lunga (di almeno 4 notti), invece, hanno subito una lieve diminuzione rispetto al 2006 (-2,1%). E questi ultimi, inoltre, hanno mostrato una lieve contrazione delle durate medie: 10,9 notti in media rispetto alle 11,6 notti del 2006, che riportano le durate medie ai livelli del 2005. Considerando sia le vacanze brevi, sia le lunghe, la durata media dei soggiorni di vacanza si attesta così nel 2007 a 6,4 notti, rispetto alle 7,1 notti del 2006. Nel 2007 secondo l’Istat i residenti in Italia hanno effettuato complessivamente 112 milioni e 240 mila viaggi con pernottamento a cui sono corrisposte 687 milioni e 983 mila notti. Rispetto al 2006 si registra un aumento significativo del numero di viaggi (+4%), a fronte di una diminuzione del numero delle notti trascorse fuori casa (-4,4%).

Fonte: www.ansa.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: