250 anni di Guinness

Condividi questo articolo su :

Il 2009 sarà un anno promettente per gli amanti della scura irlandese più famosa del mondo. Ricchi festeggiamenti in casa Guinness, nel birrificio di St. James’s Gate convertito nella Guinness Storehouse, ormai punto fermo della Dublino dei bevitori, e non solo.

Il 2009 sarà un anno promettente per gli amanti della scura irlandese più famosa del mondo. Ricchi festeggiamenti in casa Guinness, nel birrificio di St. James’s Gate convertito nella Guinness Storehouse, ormai punto fermo della Dublino dei bevitori, e non solo.

C’è sempre un motivo in Irlanda per alzare un po’ il gomito in compagnia della versatile bionda (scura, per la verità) a cui proprio non si può dire di no. Sì ma questa volta, per brindare con la Guinness c’è tempo niente di meno che tutto il 2009, anno in cui ricade il 250° anniversario del suo insediamento nel birrificio di St. James’s Gate. Detto altrimenti, la Guinness Storehouse festeggia 250 anni di Guinness. Ma facciamo un passo indietro.

Era il 1759 quando Arthur Guinness, capostipite della dinastia, firmava il famoso contratto di locazione del sito per… 9000 anni! Poi, nel 2000, un altro passaggio cruciale: convertire lo storico birrificio che nasce come impianto di fermentazione, in un’attrazione a 360 gradi che renda onore alla città ospitante, con un investimento pari a 30 milioni di sterline irlandesi. Nascono così i sette piani dell’edificio che promettono un’esperienza immersiva nel mondo Guinness che svela tutti i passi di un processo produttivo tanto antico e, in buona sostanza, getta luce sulla storia di un’icona. Ed eccoci arrivati al 2009, l’anno che deve festeggiare i 250 anni dalla fondazione della Fabbrica di birra Guinness a Dublino.

Il ricco cartellone di eventi contempla mostre, itinerari, omaggi di ogni tipo che faciliteranno senz’altro e invoglieranno – se mai ce ne fosse bisogno in terra celtica – a degustazioni da leccarsi i baffi. Un piano della Storehouse è, per l’occasione, interamente dedicato all’anniversario con l’allestimento della mostra ‘250 Exhibition’, mentre il tour "Storia della Stout" offre un’esperienza inebriante che mette in risalto tutta la profondità e l’ampiezza di gusto che hanno reso la Guinness tanto amata in tutto il mondo.

Insomma, se ancora rimane qualche dubbio sull’elezione di un birra a bevanda da gourmet, l’anno in corso è il periodo ideale per essere smentiti. E la bionda garantisce deliri di gusto al palato, non solo sorseggiando una pinta, ma anche gustando qualche prelibatezza in cui la Guinness compare come ingrediente (Vai a Guinness da mordere).

Informazioni
Prenotazioni tour "Storia della Stout"
Tel: +353 1 408 4800
[email protected]
www.guinness-storehouse.com

Fonte: www.viaggi24.ilsole24ore.com

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: