Logo
Generic 125x125

Cile

250x250 City

Paragonia - Ai confini del mondo

Patagonia

Pianure sterminate sferzate dal vento, ghiacciai perenni, due oceani (Atlantico e Pacifico) che si scontrano e si abbracciano diluendo la loro forza nei mille canali e fiordi che disegnano il confine di isolotti e penisole.

La fine del mondo è in Patagonia: un palcoscenico dove la Natura incontaminata è l’unica protagonista in un paesaggio che è così da secoli. Quello che videro prima Magellano e poi Darwin è ancora lì, immutabile, silenzioso.    ( leggi tutto )


A Pasqua sull' Isola di Pasqua

Isola di Pasqua

Rapa Nui la battezzò Isola di Pasqua il navigatore olandese Jacob Roggeveen che la scoprì il giorno della Resurrezione del 1722. In realtà più che della speranza l'isola è la metafora del disastro ambientale verso sui sembra avviato il Pianeta a causa di boom demografico e alienazione delle risorse. I moai, le 886 gigantesche statue antropomorfe (alte da 2 fino ai 22 metri del Grande Moai) disseminate tra le sue brulle colline, oltre che il maggiore sito archeologico dell'Oceania, sono i resti di una civiltà teocratica che - travolta dalla frenesia costruttrice - disboscò l'isola e provocò una crisi ambientale che portò a una drammatica involuzione sociale e culturale.    ( leggi tutto )


Le teste di Rapa Nui

Isola di PasquaDall'alto Rapa Nui, l'Isola Grande, sembra un'enorme tartaruga mentre emerge dalle onde del Pacifico, che si infrangono con violenza contro rocce di lava nera. Ma già all'aeroporto di Mataveri, a quasi cinque ore di volo da Santiago, si è catapultati in un'atmosfera da festa popolare: canti, musiche, sorrisi e ghirlande di fiori profumatissimi. Decine di persone si accalcano ai cancelli per accogliere i parenti di ritorno dal Cile e i turisti. Che non sono pochi.    ( leggi tutto )


In crociera con i pinguini

PinguiniMagellano, l'esploratore portoghese, ha fatto sicuramente più fatica, ha patito più freddo e non ha potuto disporre di una cabina in prima classe. Il fascino di navigare tra le vene dello stretto che porta il suo nome è rimasto però immutato. E così  da Punta Arenas si può partire per un'avventura indimenticabile tra i ghiacci nell'estate del polo sud senza paura di scontrarsi con qualche iceberg alla deriva.    ( leggi tutto )

Il deserto di Atacama

AtacamaIl Longitudinal Norte corre verso l'orizzonte rugoso e incartapecorito come le immagini che i satelliti spediscono dalla Luna. Sembra un cavallo selvaggio, che sbuffa ogni tanto dalle nari. Forse gli piace essere il treno più solitario del mondo, la ferrovia che attraversa in quattro giorni il deserto cileno dell'Atacama.   ( leggi tutto )


Avventura in Patagonia

Patagonia

Un paradiso naturale. Un'oasi di pace. Un patrimonio di tutta l'umanità. Sempre più minacciato. Non solo dagli effetti del riscaldamento globale. Ora anche dal turismo. Perché l'Argentina ha aperto le porte di questo suo Eden. Tra grandi alberghi. Trekking sui ghiacciai. Aerei e catamarani da El Calafate  I blocchi azzurrini si distaccano dal fronte del ghiacciaio Upsala e precipitano nelle acque del lago Argentino con un rumore che assomiglia a un tuono, ma più misterioso e profondo.    ( leggi tutto )


In Cile la piscina più grande del mondo

La mega piscina

La piscina più grande del mondo? La vasca misura 1.013 metri di lunghezza e si estende su una superfice di circa 8 ettari. In altre parole si tratta di una piscina grande quasi come 6.000 piscine standard. Quella che è considerata la più grande del pianeta è stata inaugurata in queste settimane a San Alfonso del Mar presso Algarrobo, a poco più di 90 chilometri da Santiago del Cile. Ha una capacità di 250 mila metri cubi d'acqua salata e naturalmente l'intera struttura all'aperto si è meritata una menzione anche nel Guinness dei primati.   ( leggi tutto )


tipi di contenuto
Hotels.com_500x500_IT- sales-
© 09/09/2004 - Rolando Davide Alcuni articoli sono stati tratti da altri siti, il © resta del relativo autore Website Design By : Eyrieteck