Logo
Generic 125x125

Stati Uniti On The Road - I Parchi dell'Ovest

250x250 City
Monument Valley

Dai geyser e le sorgenti d'acqua calda dello Yellowstone alle pianure aride e desertiche della Death Valley, dai canyon più spettacolari alle foreste primordiali di sequoie. Un viaggio negli States tra la natura, immensa e mozzafiato, dei Parchi dell'ovest.

Terra di conquista e di grandi speranze, l'Ovest degli States continua a far sognare. E' il fascino del mitico Far West dove, anche oggi, a bordo di una comoda auto, sembra ancora di vederli, i pionieri in cerca di fortuna, in sella a un cavallo o su una diligenza, attraversare le lande aride e desertiche tra alte rocce rosse e profondi canyon oppure a ripararsi per la notte nelle foreste primordiali.

Tra l'Oceano Pacifico e le Montagne rocciose, si trova la maggior parte dei 58 Parchi nazionali che rievocano quel senso di libertà e avventura di un tempo. Una natura immensa e selvaggia ma, ogni volta, diversa e unica che li rendono una delle mete più ricercate per un viaggio on the road.
Per farsi un'idea prima di partire e scegliere l'itinerario di viaggio, ecco i principali parchi da visitare e le loro caratteristiche. Da guardare anche nella nuova puntata di Viaggiare24 dedicata agli Stati Uniti dell'Ovest, in streaming su 24ore.tv.

Procedendo da nord verso sud si trova lo Yellowstone Park, il Parco per eccellenza. E' stato, infatti, il primo parco nazionale degli Stati Uniti e anche il primo nel mondo, istituito nel 1872. Un parco vastissimo di quasi 9mila mq esteso tra il Wyoming, il Montana e l'Idaho, in cui si concentrano i più diversi spettacoli naturali, originati da un supervulcano situato nel sottosuolo a 14mila metri di profondità. Dalle foreste alle cascate, dalle rocce dai colori irreali ai geyser, habitat di un'incedibile varietà di flora e fauna. Il Parco è percorso da una rete di strade e sentieri di 1600 km di cui la via principale è il Grande Loop, di 200 km.
Tra le meraviglie da non perdere c'è l'Old Faithful, il più famoso degli oltre 400 geyser presenti da cui, ogni ora e mezza, escono getti di vapore alti fino a 50 metri e la Mammoth Hot Springs, un'impressionante sorgente d'acqua calda. Tantissime sono, poi, le fumarole presenti in questa zona, di cui la più nota è la Grand Prismatic Spring, uno scenario coloratissimo dato dalla presenza dei minerali e dai batteri presenti nel suolo. Nella parte sud- est del parco si trova il Lago Yellowstone circondato da paesaggi suggestivi e da cui si forma l'omonimo fiume che, attraverso un canyon, forma due cascate, le Upper e le Lower Falls, di cui la seconda compie un salto spettacolare di 94 metri. Lo Yellowstone è, inoltre, famoso per la ricca fauna presente: 60 specie di mammiferi tra cui il bisonte americano, il lupo grigio, la celebre aquila di mare dalla testa bianca simbolo degli Stati Uniti d'America e l'orso grizzly.

Scendendo verso sud, si arriva nello Utah, dove si trova il Bryce Canyon National Park, che deve il suo nome a Ebenezer Bryce della comunità mormone, i primi ad essersi insediati in queste terre. l Parco è un gigantesco anfiteatro di roccia scolpito dall'erosione dell'acqua nell'altopiano Paunsaugunt, a un'altitudine tra i 2400 m e i 2700 m. La sua particolarità sono i famosi hoodoos, formazioni rocciose a forma di pinnacoli e guglie alte fino a 30 metri. Uno spettacolo suggestivo e affascinante anche per la sua colorazione, che varia dal rosso, all'arancio al bianco a seconda della luce. Per questo sono stati predisposti diversi punti di osservazione lungo i sentieri, tra cui Sunset Point che regala tramonti straordinari e Sunrise Point da cui si può godere la vista migliore all'alba.
Sempre nello Utah, a un'ora e mezza di auto, si trova lo Zion National Park che, pur trovandosi nello Stato dei canyons e dei deserti, offre uno spettacolo completamente diverso, con praterie di montagna, alberi a fusto alto e cascate. E' infatti attraversato dal fiume Virgin che ha scavato una gola profonda, con dirupi che scendono a picco anche di 3.000 metri. A 500 km di distanza ma sempre nello Utah, si arriva ad Arches Park in cui il paesaggio è disegnato da una spettacolare concentrazione di oltre 2000 archi naturali scavati nella roccia. E' attraversato da una strada asfaltata che porta ai principali punti di osservazione oppure si possono seguire i sentieri per un trekking alla scoperta della flora e fauna locale.

Fonte articolo originale


 Cerca un hotel per questa destinazione



Hotels.com_500x500_IT- sales-
© 09/09/2004 - Rolando Davide Alcuni articoli sono stati tratti da altri siti, il © resta del relativo autore Website Design By : Eyrieteck