New York accende l'albero

New York

Il sindaco di New York Michael Bloomberg ha fatto scattare l'interruttore che ha acceso le luci dell'albero di Natale del Rockefeller Center, al termine di una cerimonia che è ormai il simbolo dell'inizio della stagione natalizia in città. Mezzo milione di americani hanno seguito l'evento in diretta tv. L'abete norvegese, che ha più o meno 75 anni ed è alto 22 metri e mezzo, è stato donato alla città dalla famiglia Keller e proviene da Mifflinville, una piccola cittadina della Pennsylvania.

LO SHOW - Sono serviti oltre otto chilometri di fili per ricoprirlo di trentamila luci colorate, il cui bagliore si aggiunge a quello della grande stella di cristallo Svarovski utilizzata per la punta. Durante la cerimonia, moltissimi spettatori hanno ballato al ritmo delle canzoni di Cee Lo Green e Neil Diamond, che si sono esibiti sul palco di Rockefeller Plaza. Michael Bublè ha cantato «I'll be home for Christama». Un video ha invece mostrato le performance di Justin Bieber e Tony Bennett, registrate in precedenza. Il primo albero di Natale del Rockefeller center risale al 1931. Due anni dopo si tenne la prima cerimonia di accensione delle luci.

LA CASA BIANCA - Sempre secondo tradizione, il Natale si è «acceso» anche alla Casa Bianca: la first lady Michelle Obama ha accolto alla White House un gruppo di familiari di soldati, che per primi hanno potuto ammirare le decorazioni natalizie di quest'anno. In quasi tutte le stanze della residenza ci sono riproduzioni del cane della famiglia Obama, Bo. Tra le raffigurazioni anche una miniatura del simpatico quadrupede fatta di liquirizia e marshmallow. Bo in persona è arrivato nella sala da pranzo della Casa Bianca insieme a Michelle mentre alcuni figli dei militari stavano preparando decorazioni e dolcetti di Natale insieme agli chef ufficiali e alla fiorista. Alcune decorazioni rendono omaggio alle famiglie dei militari e i visitatori possono lasciare biglietti per i soldati. L'albero di Natale della Casa Bianca, un abete alto oltre 6 metri, è addobbato con biglietti creati dai bambini figli di soldati e con medaglie e distintivi.

Fonte articolo originale


 Cerca un hotel per questa destinazione



© 09/09/2004 - Rolando Davide Alcuni articoli sono stati tratti da altri siti, il © resta del relativo autore Website Design By : Eyrieteck