Le 7 isole dell'arcipelago toscano

Arcipelago toscano

L’estate è agli sgoccioli e voi sognate di trascorrere ancora qualche giorno al mare? Bene, nel nostro Paese c’è un arcipelago che soprattutto in questo periodo dà il meglio di sé: l’Arcipelago Toscano. Preparatevi a mare blu e cristallino, calette, vigne e a una natura selvaggia e incontaminata.

7 ISOLE, UN SOLO PARADISO - Pinete, calette che si alternano a spiagge di sabbia fine, scogliere a strapiombo e una macchia mediterranea profumatissima: l'Arcipelago Toscano. Sette isole, sette terre ognuna con un identità unica ma tutte accomunate da una natura straordinaria e selvaggia e da una storia antica e ricchissima. A voi la scelta dell’isola che più si avvicina al vostro ideale di vacanza. L’Isola del Giglio, il cui nome deriva dal greco Aegilium che letteralmente significa “capra”, ha una varietà di coste davvero unica. Qui, infatti, scogliere di levigato si alternano a baie, calette e spiagge sabbiose. Tra i tanti posti meravigliosi da non tralasciare è sicuramente la baia di Campese con l’imponente Torre medicea costruita tra la fine del XVII e l’inizio del XVIII sec.
La baia è il luogo adatto per gli amanti del surf e della vela. Immaginate una macchia mediterranea profumatissima, rocce, mare cristallino e fondali ricchissimi. Bene, questo paradiso ha il nome di Capraia. Preparate i vostri occhi a scenari naturali incredibili dove margheritine si uniscono a profumate distese di elicriso e intere vallate ospitano il corbezzolo, l’erica, l’oleandro e il mirto. Sull’isola sorge anche un piccolo lago chiamato "il Laghetto" o "Stagnone", unico specchio d’acqua naturale dell’Arcipelago Toscano.
L’Isola di Montecristo, selvaggia e disabitata, è invece un continuo susseguirsi di granito grigio-rosa. Tra le 7 isole dell’arcipelago c’è poi anche Gorgona, la più piccola. Coperta per la maggior parte della superficie da macchia mediterranea è il paradiso di specie marine particolarmente delicate. La Gorgona, l’antica Urgon abitata forse dagli Etruschi e certamente dai Romani fu abitata nel medioevo da monaci e vide sorgere monasteri ad opera dei Benedettini e Cistercensi.
Giannutri è invece meta preferita dai subacquei che non sanno resistere alla bellezza dei suoi fondali abitati da falesie, rose di mare, poseidonia, gorgonie, cavallucci marini, coralli, stelle marine, ricciole, dentici, saraghi e tante altre bellezze marine. Giannutri è luogo adatto a chi ama la natura selvaggia. L’isola infatti è stata dichiarata Parco Marino. Su Pianosa invece, l’isola “piatta”, si trovano le baie e le scogliere tra le più belle di tutto l’Arcipelago Toscano.
Qui, inoltre potrete visitare diverse testimonianze del periodo romano come la Villa Romana di Agrippa che si trova nella cala di S. Giovanni. Ma tra tutte le terre che compongono l'Arcipelago, l'Isola d'Elba è sicuramente la più frequentata e la più famosa in tutto il mondo per avere ospitato Napoleone in esilio nel 1814. L'isola è un'affascinante susseguirsi di boschi, campi coltivati, vigneti e paesaggi a tratti aspri a tratti dolci e rilassanti grazie alla presenza di spiagge lunghe e di sabbia fine come quella di Capo Bianco.
Cosa visitare: il borgo di Portoferraio con i suoi edifici storici come la Villa dei Mulini (ospitò Napoleone e ospita la sua biblioteca personale); la Villa Romana delle Grotte, risalente al I sec a.C; la Villa di San Martino e il Castello del Volterraio. Le più belle spiagge: Rio Marina; la spiaggia della Torre; le spiagge del borgo Rio nell'Elba e la spiaggia di Norsi a Capolìveri. Infine non perdetevi una tra le località più chic dell'isola: Marina di Campo con la sua bella baia che assomiglia ad una mezza luna.

EVENTI SULL'ISOLA D'ELBA - Dal 18 al 20 settembre si svolgerà il XXVI Ralley Elba Storico; il 28 settembre a Marina di Campo si terrà la 10a edizione dell'Elbaman ed l'Elbaman 73, appuntamenti di rilievo per il calendario gare nazionale. Sul percorso Ironman di Marina di Campo centinaia di atleti provenienti da tutto il mondo si sfidano in una gara di 3,800 metri di nuoto, 180 chilometri in bici sui nervosi saliscendi dell’Elba Occidentale e una intera maratona, 42 chilometri e 195 metri, correndo a piedi a fianco della spiaggia più bella dell’isola. L’11 ottobre 2014 la gara di Tiathlon tra le più impegnative e adrenaliniche al mondo.
Dal 30 settembre al 5 ottobre è prevista poi l’Elba Tour Trail con ben 5 tappe: 30 Settembre: Capoliveri, 15 Km; 1 ottobre: Porto Azzurro, 18 Km; 2 ottobre: Marciana, 17 Km; 4 ottobre: Marina di Campo: 14 Km; 5 Ottobre: Capoliveri, 21 Km. Dal 4 al 6 ottobre si svolge a Capoliveri la Festa dell'Uva, la tradizionale competizione tra rioni in tema Napoleonico. Il programma prevede degustazioni, giochi a tema e riflessioni sulla viticultura, senza mettere in secondo piano l'evento più atteso: la disfida a suon di scenografie viventi lanciata dai quattro rioni: Fosso, Fortezza, Torre, Baluardo. La gara consiste nel realizzare per le strade, le piazzette e i suggestivi chiassi del centro storico di Capoliveri la più bella ambientazione sul tema della vendemmia e sulle tradizioni dei tempi antichi.
Ogni anno vengono allestiti quadri viventi diversi, con scene e ambientazioni uniche, studiate in gran segreto con molto anticipo dai capi rioni e dai componenti che lavorano per giorni e giorni e realizzano stupefacenti costumi d'epoca. Quest'anno un premio speciale sarà dedicato a “Lo spirito del Bicentenario”. Infine, prosegue fino al 15 ottobre, presso la Galleria Demidoff di Villa di San Martino, la mostra “Il bivacco di Napoleone-Lusso imperiale “En Campagne”, un avvenimento unico in Italia dopo il recente lavoro di restauro.La mostra, curata da Jehanne Lazaj, Alba Macripò e Roberta Martinelli, è realizzata in occasione del Bicentenario dell’arrivo di Napoleone all’isola d’Elba.

Per maggiori informazioni: www.islepark.it  

Fonte articolo originale


 Cerca un hotel per questa destinazione



© 09/09/2004 - Rolando Davide Alcuni articoli sono stati tratti da altri siti, il © resta del relativo autore Website Design By : Eyrieteck